Emma Knight.

Inizio di una Nuova Vita



скачать книгу бесплатно

Copyright © 2011 di Emma Knight

Tutti i diritti sono riservati. Fatta eccezione per quanto consentito dalla Legge sul Copyright degli Stati Uniti d'America del 1976, nessuno stralcio di questa pubblicazione potr? essere riprodotto, distribuito o trasmesso in qualsiasi forma o mezzo, o raccolta in un database o sistema di recupero, senza che l'autore abbia prestato preventivamente il consenso.

La licenza di questo ebook ? concessa soltanto ad uso personale. Questo ebook non potr? essere rivenduto o trasferito ad altre persone. Se desiderate condividere questo libro con altri, vi preghiamo di acquistarne una copia per ogni richiedente. Se state leggendo questo libro e non l'avete acquistato, o non ? stato acquistato solo a vostro uso personale, allora restituite la copia ed acquistatela. Vi siamo grati per il rispetto che dimostrerete alla fatica di questa autrice.

Questa ? un'opera di fantasia. Nomi, personaggi, aziende, organizzazioni, luoghi, eventi e fatti sono il frutto dell'immaginazione dell'autrice o sono utilizzati a puro scopo d'intrattenimento. Qualsiasi rassomiglianza a persone reali, viventi o meno, ? pura coincidenza.

Libri di Emma Knight
INIZIO DI UNA NUOVA VITA (Libro #1 di Le Leggende del Vampiro)
UNA VERTITA' INASPETTATA (Libro #2 di Le Leggende del Vampiro)
VITA DA VAMPIRA (Libro #3 di Le Leggende del Vampiro)
UN VIAGGIO PERICOLOSO (Libro #4 di Le Leggende del Vampiro)
RITORNO ALLE ORIGINI (Libro #5 di Le Leggende del Vampiro)
UNA RICERCA VITALE (Libro #6 di Le Leggende del Vampiro)
FALLEN (Libro #7 di Le Leggende del Vampiro)

Capitolo Uno

Rachel Wood sedeva nel sedile posteriore della station wagon del 1997 della sua famiglia, odiando la sua vita. Alla sua destra c'era il noioso fratello minore, Mark; alla sua sinistra invece, la sorella maggiore Sarah canticchiava ad alta voce una canzone pop che ascoltava nelle cuffie del suo iPod. Quando il padre inser? la freccia, uscendo per l'ultima volta dall'autostrada, Rachel fece un respiro profondo, trattenne il fiato e poi si lasci? andare in un forte sospiro. Non riusciva a credere che la sua famiglia si stesse trasferendo proprio in quel momento, proprio al suo secondo anno di liceo!

Rachel non riusciva a fare a meno di pensare a tutte le cose che la spaventavano. Che cosa sarebbe accaduto se non fosse riuscita a fare nuove amicizie? E se le persone l'avessero presa in giro? E se non si fosse trovata a proprio agio, o se i vestiti che indossava fossero risultati strani? Era preoccupata che sua sorella la prendesse in giro nei corridoi, e suo fratello la mettesse in imbarazzo: ancora di pi?, Rachel era preoccupata dal fatto che i suoi genitori, con il loro atteggiamento autoritario ed all'antica, la mettessero in imbarazzo.

Il padre aveva svoltato a sinistra ed ora stavano percorrendo una lunga strada tortuosa.

E' qui? Rachel si chiese.

L'auto prosegu?, entrando nel centro della cittadina.

Fuori dal finestrino, la ragazza vide una pizzeria, un negozio di noleggio film, un salone estetico per unghie e un negozio Hallmark, con palloncini e bigliettini esposti nella vetrina.

Mentre l'auto proseguiva lentamente all'interno della cittadina, Rachel not? poche persone: una donna che camminava sul marciapiede, spingendo un passeggino e un uomo con i suoi due figli, che indossavano un completo da calcio, con maglia AYSO blu e nera e scarpe. Rachel poi vide anche un gruppo di ragazzini, uno dei quali indossava una felpa con una tigre stampata sopra, su cui si leggeva “AHS.”

Rachel riconobbe l'acronimo stampato sulla lettera di benvenuto che aveva ricevuto poche settimane prima dall'Apache High School. Sospir? e si chiese se questi potessero essere i suoi nuovi amici.

Rachel guard? i ragazzi molto attentamente e sent? un vuoto allo stomaco. Vederli l'aveva fatta sentire ancora pi? nervosa per il primo giorno di scuola, che l'indomani avrebbe dovuto affrontare.

Era imbarazzata per quanto il padre guidasse piano in citt?. Non sa quanto sia fuori moda andare come lumache in citt?? Rachel pens?. Nascose la testa tra le gambe, mentre sent? che l'auto acquistava velocit?.

La famiglia viaggi? per altri cinque minuti, lungo una strada suburbana. La ragazza osservava ogni casa davanti alla quale passavano e rimase sorpresa da ci? che vide. Quelle case erano molto diverse da quelle della sua vecchia citt?: erano grandi e sfarzose, avevano larghi vialetti d'accesso circolari e alcune avevano persino delle colonne che fiancheggiavano l'accesso al vialetto.

Dove siamo?

Mentre si avvicinavano alla fine della strada, il padre di Rachel fren?. Sarah si tolse le cuffie, e si guard? intorno, forse per la prima volta.

Mark indic? e chiese: “E' questa?”

Il vuoto allo stomaco di Rachel aument?, mentre si preparava a vedere la sua nuova casa per la prima volta. Si chiese come fosse, come sarebbe stata la sua camera e se avrebbe dovuto dividerla di nuovo con Sarah.

“42 di Pine Road!” il padre di Rachel annunci? ansiosamente.

I pensieri di Rachel furono bruscamente interrotti, mentre entravano nel loro nuovo vialetto d'ingresso.

Siamo a casa.

Rachel esamin? la casa mentre vi entrarono. L'abitazione era diversa dalle altre sulla strada: si trattava di una casa bianca con imposte nere, un edificio pi? modesto, senza alcuna colonna d'accesso e nessun vialetto d'accesso circolare. Aveva invece, una porta d'entrata rossa, con un grande battente di ottone, a forma di leone.

Rachel usc? dall'auto, fece un altro respiro profondo e afferr? la sua valigia. Corse all'interno, insieme a Sarah e Mark, per vedere le loro camere. Sarah, con una gomitata, super? Rachel, mentre si precipitavano alla porta d'entrata.

“Io prendo la camera pi? grande!” Sarah grid?.

Sarah corse al piano di sopra, attravers? il corridoio e chiuse dietro di s? la porta della prima camera. Mark super? a sua volta Rachel, facendole cadere la valigia dalle mani, e si precipit? in una delle camere, chiudendo la porta.

Quando Rachel fu in cima alle scale, vide una porta aperta, l'unica porta di una camera rimasta: vi entr? e mise gi? il bagaglio. La stanza era piccola, ma almeno le apparteneva. Era contenta di non dover affrontare Sarah e le sue ossessioni musicali.

Pochi istanti dopo, Rachel sent? qualcuno bussare alla porta.

“Sbrigati, ? pesante,” la voce della madre di Rachel era soffocata.

“Rachel!”

Rachel apr? la porta e vide sulla soglia sua madre che reggeva una grossa scatola di cartone, su cui era stato scritto Cose di Rachel con un grosso pennarello nero. La madre poggi? la scatola al centro della camera, poi rivolse lo sguardo a Rachel e disse: “Non preoccuparti tesoro, imparerai ad apprezzare questo posto, te lo prometto.”

Rachel scroll? le spalle ed esclam?: “Pazienza.”

La ragazza era andata gi? di morale, sin da quando, alcune settimane prima, i suoi le avevano annunciato il trasloco. Era accaduto una sera, mentre trascorreva con la sua famiglia le vacanze estive a Virginia Beach. I genitori erano stati alquanto strani per l'intera durata del viaggio e Rachel aveva avuto la sensazione che stessero nascondendo qualcosa. Inizialmente, aveva creduto che la madre fosse di nuovo incinta, ma non avrebbe mai potuto immaginare che, invece, si trattava di un imminente trasferimento.

Rachel aveva vissuto in Pennsylvania per tutta la vita, nella stessa cittadina, nella stessa casa, e nella stessa camera sin da quando era piccola. Non si era mai aspettata di doversi trasferire, specialmente durante gli anni di liceo.

“Vedremo,” Rachel rispose a sua madre.

La donna usc? dalla camera e chiuse la porta dietro di s?.

BIP BIP BIP.

Rachel guard? fuori dalla finestra e vide un grosso camion bianco, fare retromarcia nel loro vialetto d'accesso; aveva la scritta “Traslochi e Deposito AL” stampata su una fiancata. Il bip cess?, e due uomini vennero fuori dal camion, e aprirono lo sportello posteriore.

Rachel vide uscire scatolone dopo scatolone. Le sembrava che tutta la sua vita fosse stata bruscamente rinchiusa in quegli scatoloni, tutto perch? suo padre aveva ottenuto il trasferimento.

Rachel vide i suoi genitori parlare con i traslocatori ed etichettare ciascuno scatolone con adesivi Post-it, cos? che sapessero esattamente in quale stanza portarli.

Sebbene Rachel fosse furiosa per il trasferimento, era anche ansiosa di vedere la sua nuova casa. Usc? tranquillamente dalla sua camera, e scese le scale. Non voleva che la sua famiglia si accorgesse della sua curiosit? e sapesse che sbirciava in giro.

Arrivata in fondo alle scale, gir? a sinistra e si diresse nel soggiorno. Vide un camino e due grandi finestre. La mente di Rachel cominci? a vagare, pensando a come festeggiare il Natale in quella stanza, e a come mettere l'albero proprio nell'angolo e infine decorarlo. La stanza ora appariva molto spoglia, tranne per pochi scatoloni disposti lungo la parete.

Rachel continu? a vagare per il soggiorno, che era unito ad un'altra stanza molto luminosa, con un bovindo che si affacciava sul giardino anteriore. Rachel immagin? che si trattasse della camera da pranzo, ma non ne era sicura. Le pareti della stanza erano dipinte di un orrendo marrone.

Superata l'orribile stanza marrone, entr? in cucina. Accese la luce e si guard? intorno. Si sent? depressa alla vista dei mobiletti neri in formica e dei pavimenti scuri di linoleum. C'era un odore di stantio in quella cucina, che acu? ancora di pi? la mancanza della sua vecchia casa.

Rachel prosegu? l'esplorazione delle stanze e dei bagni e sent? un forte senso di vuoto: non avrebbe mai pensato di provare attaccamento nei confronti di una casa. Non si era mai resa conto di quanto fosse attaccata alla sua vecchia casa in Pennsylvania.

Rachel sent? i traslocatori entrare dalla porta d'ingresso, le voci dei genitori che li guidavano con scatoloni, mobilio, sedie, cornici, tv e computer. Aveva visto abbastanza e sal? di sopra prima che qualcuno la notasse.

Chiuse la porta della sua camera e si sedette sul pavimento accanto allo scatolone che conteneva le sue cose. Frug? nel suo zaino Kipling, color blu navy, per trovare il suo portachiavi: sapeva di avere un piccolo paio di forbici. Apr? il nastro adesivo sullo scatolone, ansiosa di scoprire come avrebbe trovato il contenuto.

Rachel ricord? quanto fosse stata furiosa di dover impacchettare tutta la sua stanza, e aveva semplicemente gettato le sue cose nello scatolone, senza alcun ordine o attenzione. Quando apr? i lembi di cartone, non fu sorpresa di trovare una grande confusione ad attenderla. Era come se tutta la sua vita fosse stata stipata all'interno di uno scatolone di cartone.

In cima, c'erano alcune fotografie impolverate di lei e del suo gruppo di amici della Pennsylvania. Le mancavano i suoi amici e non riusciva ad immaginare di essersi separata da loro. Non era nel gruppo dei pi? popolari della scuola, e non lo era mai stata, ma Rachel voleva comunque bene ai suoi amici. Erano semplici, senza grilli per la testa, non facevano drammi.

La foto pi? in alto, in particolare, non era una delle preferite di Rachel: era stata scattata alla Fiera Olandese la scorsa primavera, un carnevale con giostre e giochi, e le persone indossavano abiti coloniali. Era un evento abbastanza stravagante, ma Rachel lo aspettava ogni anno.

La ragazza estrasse un'altra foto e cominci? a venirle un nodo alla gola. Erano lei e la sua migliore amica Dana, che si abbracciavano sorridenti. Erano inseparabili da anni, e si conoscevano sin dalla quinta elementare. Erano state nelle stesse squadre di pallavolo, tennis e calcio per anni, e stavano sperando di entrare nel gruppo delle cheerleader nell'autunno. Adoravano andare a fare shopping al centro commerciale in Pennsylvania. I loro negozi preferiti erano JCPenney, Aeropostale, Gap e American Eagle. Adoravano anche fare shopping al Wal-Mart, e riuscivano sempre a trovare degli accessori carini l?.

Una lacrima cadde sulla foto. Rachel l'asciug? in fretta, ma lasci? una macchia proprio al centro della foto.

Rachel la mise gi? e cominci? a piangere. Odiava quella casa, le mancavano gli amici, era infuriata con i suoi genitori, e non riusciva a immaginare che l'indomani sarebbe stato il suo primo giorno all'Apache High School.

I pensieri di Rachel furono interrotti da una canzone di Britney Spears a tutto volume, che rimbombava attraverso le pareti della sua camera.

Accidenti, non la sopporto.

Rachel si alz? e si diresse verso una porta della stanza, che aveva pensato fosse il suo armadio, lo apr? e vide Sarah l?, che cantava e ballava a ritmo della musica. Il cuore di Rachel croll? davanti a quella scena: avevano un bagno in comune.

“Shame on me, to need release, un-uncontrollably… I I I wanna go o o all the way ay ay takin’ out my freak tonight.”

Rachel non riusciva a crederci; avevano davvero un bagno in comune? Come se le cose potessero andare peggio di cos?.

Rachel chiuse la porta con violenza. Sarah era l'antitesi di Rachel. Era una ragazza femminile, popolare e amata da tutti. Aveva un bellissimo ragazzo pi? grande al college, e i due parlavano di sposarsi. Sarah era magra, bionda, con gli occhi azzurri e aveva sempre le unghie perfettamente smaltate. Amava la musica pop, ballare e cantare, e non osava praticare uno sport in cui si prevede il contatto. Sarah era carina e composta, caratteristiche che non definivano affatto Rachel.

No, Rachel era intelligente, con i capelli castani, di peso medio (non magrissima, ma neanche grassa). Era di aspetto decente, ma non si era mai considerata bella. Rachel amava lo sport e stare all'aperto, a contatto con la natura. Era una brava ragazza e rispettava sempre le regole. Aveva un bel gruppo di buoni amici, ma non era in quello popolare. Non aveva mai avuto un ragazzo, sebbene avesse preso svariate cotte.

Per cos? dire, sostenere che le due non si comprendevano sarebbe stato il minimo. Rachel torn? al suo scatolone e vi frug? all'interno, alla ricerca del suo diario. Scriveva una pagina ogni sera sin dalla seconda media, e quella sera non era intenzionata a interrompere tale abitudine.

Rachel lo trov? stipato in fondo allo scatolone e gli tolse la polvere. Quell'oggetto era la sua vita. Rosso porpora, con un teschio sulla copertina, era spesso e pesante, colmo di note degli amici, matrici di biglietti e immagini attaccate con il nastro adesivo. Rachel portava al collo la chiave per aprire il diario e non la toglieva mai. Era una ragazza molto introversa, e sarebbe morta piuttosto che lasciare che chiunque leggesse il suo diario.

Rachel sollev? il diario, avvicinandolo alla sua collana, e poi lo apr? dopo aver inserito la chiavetta nella serratura a forma di cuore. Era diventata un'esperta nell'aprirla, mentre indossava ancora la chiave.

Estrasse la sua penna preferita dallo scatolone, e si prepar? a scrivere:

Caro Diario,

Oggi ? stato il giorno peggiore della mia vita. Sono seduta qui, nella mia nuova stanza, frugando tra le foto dei miei amici e mi rendo conto di non averne qui a Westchester. Nessuno. La scuola comincer? domani e io ho paura. Scommetto che nessuno mi rivolger? la parola. Ho parlato con Dana e tutti andranno alla festa dell'ultimo giorno d'estate stasera, mentre sono seduta qui in questa stanza vuota e fredda. Accidenti, le cose potrebbero andare peggio di cos?? Scriver? di pi? domani, per farti sapere come ? andata a scuola – se me la sar? cavata.

Con tanto affetto,

Rachel

Rachel mise gi? il diario e croll? sul suo morbido letto. Poggi? la testa sul cuscino di piume, e si copr? fino alla testa con la coperta a strisce rosse e bianche. Rachel era troppo stanca per piangere, ma troppo ansiosa di addormentarsi. Rest? sveglia, facendo varie ipotesi su come sarebbe potuto andare il giorno successivo. Ogni scenario era peggiore dell'altro.

Circa all'una del mattino, Rachel si addorment?.

Capitolo Due

Rachel balz? fuori dal letto al sussultare della musica latina proveniente dalla sua radiosveglia. Scendendo, cadde sopra vestiti, foto e fogli che aveva accumulato sul pavimento, tentando di organizzare la propria vita. Quando finalmente raggiunse il tasto, la sveglia si azzitt? misteriosamente.

Ora che Rachel era stata svegliata cos? bruscamente, si diresse alla porta del bagno e afferr? la maniglia: chiusa. Rachel buss?, sentendo il rumore della doccia in funzione, e la voce di Sarah, che cantava una canzone di Demi Lovato. La ragazza buss? pi? forte, sperando che la sorella sentisse.

“Che vuoi? Non senti che sono sotto la doccia?” Sarah disse.

“Per quanto ancora ci starai? Lo sai, devo prepararmi anch'io!” Rachel disse a voce alta, mettendo la faccia sulla fessura della porta.

Rachel aspett?, ma Sarah non rispose.

Rachel torn? alla confusione degli abiti sparpagliati sul suo pavimento. Niente era organizzato: calze spaiate, maglioni, gil?, pantaloncini, jeans e la sua t-shirt preferita dei Rolling Stones, tutto giaceva sparso ai suoi piedi.

Rachel tir? su le tende e apr? la finestra circa a met?, per calibrare la temperatura. Era l'8 settembre, e gi? poteva sentire la fresca brezza autunnale. Le foglie si muovevano sui grossi alberi fuori dalla sua finestra, e lei fece un profondo respiro nell'aria frizzantina. Fuori dalla finestra, vide un lungo prato con qualche albero situato ai margini. Uno degli alberi aveva un vecchio copertone pendente dai rami e Rachel pens? che fosse opera dei proprietari precedenti. Il prato era di un lieve verde con macchie di marrone ovunque. C'era un piccolo giardino a sinistra, con fiori spontanei ed erbacce. Rachel stette a fissarlo per un istante, poi chiuse la finestra con un grande colpo.

Che cosa indossare? Pens? Rachel.

All'improvviso, ricord? una visita da JCPenney insieme a Dana un mese prima. Quel negozio aveva sempre le cose pi? carine per l'autunno, alla fine dell'estate, e Rachel e Dana erano andate a fare acquisti in anticipo per la stagione. Rachel ricord? di aver acquistato un bel paio di jeans consumati, con rattoppi e strappi sulle ginocchia. Sapeva che si sarebbero sposati bene con la sua t-shirt degli Stones.

La ragazza sollev? borse e cinture, e le mise nel grosso scatolone delle sue cose. Quei jeans non si trovavano da nessuna parte.

Lei apr? la porta della sua camera e url? alla madre; “Mamma, dove sono finiti i miei jeans?”

Si mise sull'uscio e aspett? la risposta della madre.

“Come potrei sapere che cosa ne hai fatto dei tuoi vestiti, secondo te? Non prendertela con me, se non riesci a trovarli. Sei l'unica che ha preparato le sue cose sbuffando, non io, tesoro,” la donna le rispose urlando allo stesso modo, in un tono irriverente.

Rachel grugn? e sbatt? la porta.

Scorse un altro paio di jeans Levi's blu scuro, proprio sul pavimento. Gli orli, troppo lunghi, erano logori e Rachel non era mai riuscita a farli accorciare. Li prov?, appiattendo le pieghe con le mani. Li sent? un po' pi? stretti di quanto ricordasse, pertanto si abbass? alcune volte, e poi si stese per allungarli.

Strappati. La cucitura del cavallo si era aperta.

In quel momento, part? la musica latina proveniente dalla sua radiosveglia, ma stavolta fu ancora pi? forte. Rachel cammin? a papera con indosso i jeans, cercando l'orologio. Sollev? il suo cappotto invernale bianco della North Face, e trov? la radio. Poggi? la mano sul pulsante, e gir? a caso il sintonizzatore.

Rachel si sbotton? i Levi's e se li sfil? dalle gambe. Non si era resa conto di aver messo su qualche chilo dalla scorsa primavera, ma apparentemente le cose stavano cos?.

Rachel vide un paio di leggings Target, nero sbiadito, arrotolati in una palla sul pavimento. Li indoss?, non avendo altre opzioni. (Almeno, nulla che non fosse impacchettato). La cosa positiva dei leggings, pens? Rachel, era che non importava quanti gelati mangiasse, le sarebbero sempre stati.

Rachel raggiunse la sua t-shirt degli Stones e la indoss?. Non aveva uno specchio in camera sua, ma sper? che l'outfit fosse adatto.

Raccolse la sua borsa nera di nylon da toiletteria, e buss? di nuovo alla porta del bagno. Nessuna risposta. Rachel gir? la maniglia; la porta si apr? e fu assalita da nuvole di vapore che profumavano di docciaschiuma.

Rachel con un pugno elimin? il vapore dallo specchio, facendo un grosso cerchio, cos? da potersi specchiare. Scrut? nello specchio e vide un piccolo brufolo cominciare a formarsi proprio in mezzo alla fronte. Prese immediatamente il suo Proactiv, si lav? la faccia e applic? il trattamento sulla fronte. Sperava che il brufolo sparisse entro le 8; non voleva essere conosciuta come la nuova ragazza con l'enorme brufolo.

Pensando all'ora, Rachel guard? il suo Swatch rosso e si rese conto di avere soltanto altri venti minuti a disposizione, prima di poter uscire per andare a scuola.

Emise un grande sospiro, e prese la sua borsa del trucco. Apr? il suo fard Urban Decay e lo applic? sulle guance. Poi, apr? il mascara Cover Girl e lo applic? sulle ciglia, un colpo veloce alla volta. Poi, estrasse l'ombretto Maybelline baby blu, e se lo pass? sulle palpebre, e chiuse la custodia. Infine mise mano alla spazzola e pettin? i capelli intrecciati e ammassati del letto. Erano ancora un po' arricciati, e senz'altro non era quello che avrebbe sperato per il suo primo giorno di scuola, ma sarebbe dovuto bastare.



скачать книгу бесплатно

страницы: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10